Articoli

L’Open Rate Cala? Facciamolo Salire in Tre Semplici Mosse!

Nell’e-mail marketing è fondamentale il coinvolgimento del nostro target. Per capire quanto stiamo colpendo nel segno, il primo indicatore rilevante è il tasso di apertura delle nostre newsletter, detto anche, in inglese, open rate. Di fatto, si tratta di un’indicazione che ci fa capire immediatamente se la nostra campagna di e-mail marketing abbia avuto successo o no, laddove per “successo” si intende la capacità di catturare l’interesse dei lettori, portandoli ad aprire la mail in prima battuta e a cliccare sui contenuti in seconda.

Hai notato che ultimamente, oppure in una sola campagna, il tuo tasso di apertura è calato drasticamente? Ecco cosa devi fare per migliorarlo!

1. Analizza le Statistiche delle Campagne di E-Mail Marketing!

Anzitutto ricordati sempre di analizzare le statistiche delle tue campagne. Con Kloudymail sono a portata di click e in pochi istanti potrai capire com’è andata la tua ultima campagna, comparandola anche con le precedenti per capire se il tuo trend sia positivo o negativo. Se il tuo caso è l’ultimo, ossia se il trend è negativo, la prima cosa da fare è capire di avere un problema e cercare di invertire la rotta immediatamente.

Certo, può darsi che il tuo sia un problema momentaneo, ma meglio non ripetere gli errori già commessi per scongiurare il rischio che i “numeri” diminuiscano ulteriormente. Ti consigliamo di non restare in contemplazione per mesi e mesi cercando l’idea del secolo: agisci tempestivamente apportando piccoli miglioramenti, magari “pescando” dalle campagne precedenti che avevano ottenuto un buon riscontro.

2. Pianifica le Tue Prossime Mosse e Agisci!

Ora che hai esaminato la situazione e hai capito – o pensi di aver capito – cosa potrebbe essere andato storto, inizia a pianificare ciò che farai. Insomma, stila il tuo piano di azione: in questo modo avrai più probabilità che le tue prossime mosse filino lisce.

Fatto questo, non ti resta che muoverti. Non è facile come dirlo, tutt’altro, ma se farai tutto per bene, secondo i piani, otterrai grandi soddisfazioni. Dato che i risultati li hai già analizzati, inizia a pensare ad altri accorgimenti che potrebbero aumentare il tasso di apertura: l’oggetto è a misura di lettore? La grafica è ben fatta e responsive? Le liste sono ben strutturate e profilate?

3. Persevera!

Ora che hai fatto tutto, e che probabilmente hai ottenuto dei miglioramenti nei risultati delle tue campagne di e-mail marketing, è tempo di perseverare. Un po’ come la dieta: una volta abbattutti i chili di troppo, si parte con il mantenimento.

In poche parole, anche se la tua ultima campagna è andata bene, non dormire sugli allori. Continua ad analizzare le statistiche, a cercare di migliorare, a consultare blog come questo per capire quali siano le strategie migliori da adottare per coinvolgere il target. E, se avessi ancora qualche dubbio, non esitare a contattare Kloudymail: siamo sempre pronti a dare suggerimenti e ad accompagnare chi lavora con noi verso i migliori risultati!

L’export delle statistiche: nuove possibilità in Kloudymail!

Le statistiche sono una parte fondamentale di una strategia di e-mail marketing. Ecco perchè Kloudymail ha deciso di sviluppare una nuova funzionalità: l’export delle statistiche!

Tenere sotto controllo le statistiche significa avere ben chiari gli effettivi risultati di una campagna, comprendendone i punti di forza e di debolezza. La statistica è una disciplina che aiuta a codificare i fenomeni della realtà (nel nostro caso le performance di una newsletter) sintetizzando e semplificando visivamente i dati raccolti. L’importanza delle statistiche nella gestione aziendale va al di là di ogni scetticismo: è importante conoscere bene i numeri a disposizione perché non restino solo dati astratti, ma diventino utili per comprendere una serie di informazioni fondamentali per il business di riferimento.

Ma perchè fare l’export delle statistiche? Perchè Kloudymail ha deciso di inserire questa nuova opzione?

Comparare e rivedere le proprie performance è fondamentale per capire meglio l’utente e per poter pianificare una miglior strategia di e-mail marketing. Per questo motivo, per Kloudymail è importante lasciarti la possibilità di consultare nel dettaglio le statistiche delle campagne degli ultimi sei mesi. L’export delle statistiche ti aiuterà a comprendere le tue best practices, le cose che hanno colpito maggiormente il tuo utente e l’andamento delle strategie che hai attuato nel corso del tempo.

I dettagli delle campagne più datate verranno aggregati per velocizzare le performance di Kloudymail e rendere l’utilizzo più snello. Avrai così la possibilità di visualizzare le informazioni generali relative alla campagna , il totale dei lettori, delle letture, delle non letture e il quantitativo dei click. Tutti i dati aggregati saranno ancora scaricabili in pdf/csv, in questo modo potrai sempre consultarli e averli a portata di mano.

Procedere all’esportazione delle statistiche può essere molto utile per condividere con i colleghi i risultati ottenuti dalle tue campagne e per poter portare prove concrete a favore della strategia di e-mail marketing per il tuo business. Analizzando e monitorando costantemente la tua azione e le risposte che hai ottenuto potrai, grazie all’export delle statistiche, creare nuovi grafici e catalogare i dati statistici nel modo che risulta più funzionale alla tua strategia.

Esportando le statistiche, potrai avere chiare le tue performance e, soprattutto, avrai la possibilità di comparare più campagne per comprendere quale sia la strategia più efficace per la tua comunicazione!

export delle statistiche

Vuoi sapere di più sulla parte delle statistiche in Kloudymail? Continua a leggere, qui sono presentati gli strumenti statistici della piattaforma di Kloudymail, come interpretarli e come sfruttarli per implementare una perfetta strategia di e-mail marketing.

Kloudymail e le statistiche

Al fine di aiutarti a migliorare le performance, Kloudymail ha implementato, all’interno della sua piattaforma, una parte completamente dedicata alle statistiche. Questa sezione ti sarà molto utile nel momento in cui, controllando tutti i dati, riuscirai a comprendere più approfonditamente le abitudini dei tuoi clienti.

Vediamo allora tutti i dati che la piattaforma offre, come comprenderli e come utilizzarli al meglio.

Panoramica

La parte dedicata alle statistiche in Kloudymail, inizia con una panoramica dei risultati dell’ultima campagna effettuata riepilogando la percentuale delle letture, dei click, dei bounce e dei disiscritti. Il sistema è inoltre in grado di tracciare il dispositivo utilizzato dagli iscritti per visualizzare le newsletter, distinguendo due principali categorie: letture dal mobile e letture dal desktop. Gli ultimi due approfondimenti di questa parte riguardano l’orario e i giorni di lettura della newsletter in questione.

Grazie a questo primo pannello, sarai in grado di comprendere meglio il comportamento dei tuoi users per riuscire poi a costruire delle campagne sempre più efficaci. Chi legge l’e-mail? In che modo viene letta (con immagini, scorrendo, cliccando sui link…)? Che dispositivo è utilizzato per controllare la posta? Quando leggono maggiormente l’e-mail e, di conseguenza, quando è meglio inviarla?

Tutte le risposte a queste domande sono proprio lì a tua disposizione nella sezione “Panoramica” delle statistiche di Kloudymail.

Comparazione

La comparazione è la seconda pagina delle statistiche nella piattaforma di Kloudymail. L’obiettivo è quello di comparare le diverse strategie attuate nel tempo per comprendere quali siano stati i miglioramenti, i passi in avanti e picchi delle miglior performance. Paragonare una campagna all’altra, renderà più semplice comprendere le potenzialità e le problematiche connesse alla tua strategia. E’ importante tenere sempre in considerazione che non sempre ciò che funziona è ciò che l’azienda vorrebbe comunicare: le statistiche aiutano a trovare il giusto compromesso per costruire la comunicazione più efficace.

Mappa dei Click

La mappa dei click ha un grande impatto visivo perché ti mostra la newsletter analizzata con piccoli fumetti che riportano i numeri dei cliccatori su quel specifico link. Tramite la mappa dei click, vengono tracciati tutti i link presenti sulla newsletter per darti modo di scoprire quali siano stati i contenuti che hanno riscosso maggior successo.

Questa sezione è particolarmente interessante perché permette di inviare un’ulteriore campagna solamente ai cliccatori ( è possibile farlo tramite il bottoncino “utility” in fondo alla pagina). Mandare una campagna solo a chi ha interagito ti permetterà di rafforzare la relazione con i clienti che hanno già mostrato interesse nel tuo prodotto o servizio. In questo modo potrai attuare una campagna di re-marketing e affinare sempre di più la tua strategia.

Lettori

Nella parte delle statistiche dedicata ai lettori vengono mostrati tutti quegli utenti che hanno letto la newsletter. Qual è la differenza tra cliccatori e lettori? I cliccatori vanno ad aprire un link specifico, mentre i lettori hanno guardato la newsletter ma non sono stati spinti dal bisogno di approfondire alcun prodotto/servizio. Se, con la tua campagna, sei riuscito a conquistare i cliccatori, non ci sei riuscito fino in fondo con i lettori. Sarà compito tuo creare una nuova campagna ad hoc per loro (quest’ azione è possibile tramite il bottone “utility”, “invia campagna a chi ha letto”). Hai già incuriosito questi utenti: adesso convincili che il tuo business sia la scelta giusta!

Nella sezione lettori puoi eseguire una doppia azione: inviare la campagna ai lettori e/o inviarne una ai non lettori (puoi farlo sempre con il tasto “utility”, “invia campagna a chi non ha letto”). I non lettori sono gli utenti più difficili perché hanno deciso di evitare di leggere la tua newsletter. Puoi rinviare loro la stessa campagna ma, magari, puoi modificare l’oggetto: sii attraente e nessuno ti potrà resistere!

Bounce

Proseguendo nell’analisi dei dati che le statistiche ci offrono, abbiamo tutte quelle e-mail che, per un motivo o un altro, non sono andate a buon fine e sono tornate a noi. Questa è l’area dei bounce. Ci sono diversi tipi di bounce: hard bounce, spam bounce, soft bounce and unknown bounce (se vuoi avere maggiori informazioni sui bounce questo è l’articolo che fa per te).

E’ normale avere, in un invio massivo, un numero variabile di bounce. Averlo sotto controllo, tuttativa, ti aiuterà a comprendere se le tue liste sono pulite o se, invece, hanno bisogno di essere migliorate. In linea di massima, possiamo dire che, per ottenere una buona performance di deliverability è importante che i bounce non superino il 5%.

Disiscritti

Lo stesso discorso fatto per i bounce, vale per i disiscritti. Ci saranno sempre delle persone che, periodicamente, decideranno di disciscriversi dalle tue liste. Questo non è un problema poiché ti permetterà via via di creare delle liste sempre più profilate e meno generiche. Avere sotto controllo le statistiche dei disiscritti farà in modo di renderti più consapevole su quali sono quei contatti che, effettivamente, fanno parte delle tue liste.

Errori

L’ultima parte della pagina delle statistiche, infine, mostra gli errori. Gli errori sono tutte quelle e-mail che non sono arrivate a destinazione a causa di un problema di sistema. Non preoccuparti: capita molto raramente!